Materie Pericolose

C’è sicuramente una crescente attenzione, nei più svariati settori (dall’alimentazione ai rifiuti, dalle fonti energetiche a quelle idriche, ecc.), verso la presenza di possibili fonti di pericolo, legate alla presenza di sostanze considerate pericolose per la salute e per l’ambiente.

Può quindi essere interessante e utile approfondire alcuni problemi di fondo (quali pericoli? Come individuarli e caratterizzarli? come eliminarli e controllarli?) che stanno (dovrebbero stare) alla base delle nostre valutazioni e delle nostre scelte.

La maggior parte delle considerazioni presentate saranno concentrate sui problemi di classificazione e trasporto delle merci pericolose, senza peraltro trascurare altri problemi, in primo luogo quello dei rifiuti.

 
Articoli
 

SISTRI: una storia dei nostri tempi

12 luglio 2012

Una documentata ed illustrata storia del SISTRI, una storia dei nostri tempi.
Perché non si ripeta mai più.

(vedi testo)

Dhammapada

28 febbraio 2012

Qualche riflessione su gestione e trasporto di merci pericolose prendendo spunto da alcuni versi del Dhammapada (Il cammino della legge), uno dei testi più famosi del buddismo, risalente al III secolo a.c. (vedi testo)

C'era una volta il paese dei rifiuti

18 aprile 2012

C'era una volta il paese dei rifiuti.
Ed era governato dal Cavaliere Piduebungabunga.

Un bel giorno Piduebungabunga emise una legge secondo la quale i rifiuti dovevano essere gestiti con uno strumento chiamato SISTRI (da non confondere con l'antico strumento musicale sviluppato nell'Egitto dei Faraoni).
Questo sistema, sviluppato e gestito da una società dell'Ordine della Cricca, si dimostrò ben presto di difficile gestione, costoso, inaffidabile.

Di qui una lunga crisi del paese dei rifiuti, proteste di tutta la popolazione, aumento del debito, chiusura di aziende, impoverimento generale, tanto che alla fine dovette intervenire la EWB (European Waste Bank), che, prendendo atto che ormai le quotazioni del paese dei rifiuti erano in caduta libera e che lo spread con l'Abfalleamtsführung tedesco era di 7525, richiese allora drastici provvedimenti per ridurre la produzione dei rifiuti, aumentare le entrate del paese dei rifiuti attraverso nuove tasse e ridurre il costo del lavoro.

Piduebungabunga non riuscì a trovare il modo di far fronte alle richieste della EWB: di conseguenza fu nominato un Governatore Tecnico, il professor Monticciolo, presidente dell'Università del Testaccio (dal nome del monte dei cocci romani, costituito appunto dall'accumulo dei rottami di antiche anfore, di epoca romana).

Monticciolo emanò subito una legge con la quale si stabiliva che i materiali di risulta da scavi non potessero andare in pensione come rifiuti, ma dovessero essere considerati sottoprodotti, ed attendere almeno altri dieci cicli produttivi prima di poter accedere alla qualifica di pensionato come rifiuto (ottemperando così alla prima richiesta della EWB: ridurre la produzione dei rifiuti).
Fu stabilito inoltre di rinviare di qualche mese l'entrata in vigore del SISTRI, ma di richiedere comunque che il contributo SISTRI fosse comunque versato, indipendentemente dal suo funzionamento (ottemperando così alla seconda richiesta della EWB: aumentare le entrate).
E infine concluse che le aziende che non applicavano il SISTRI dovevano essere chiuse, modificando l'articolo 18 dello Statuto dei rifiuti, prevedendo che chi veniva sanzionato per inottemperanza al SISTRI potesse sì accedere ad una procedura giudiziaria, ma senza che, in caso di riconosciuta ingiustizia, fosse possibile riaprire l'azienda, ma solo ricevere, come eventuale indennizzo, da 30 a 70 grattaevinci da distribuire, per sorteggio, ai lavoratori licenziati (ottemperando così alla terza richiesta della EWB: ridurre il costo del lavoro).

E vissero tutti infelici e scontenti.

GHS and TRANSPORT

10th November 2011

The relationship between Globally Harmonized System for Classification and Labelling of Chemicals and regulation on the Transport of Dangerous Good (see text)

ADR Adventure: un viaggio nel misterioso mondo dell'ADR

 23 marzo 2012

Sperando che quanto segue possa essere di qualche utilità per chi, dovendo spedire merci (rifiuti compresi) pericolose, e avendo solo vagamente sentito parlare di una cosa che si chiama ADR, si pone il problema di cosa dovrebbe fare.

(vedi testo)

Il SISTRI: epifania e paradigma

2 dicembre 2010

Un dialogo alla maniera socratica fra il giovane Ergate ed il saggio  Sofrone (vedi testo) 

Perché questo sito
Joomla templates by a4joomla